Siete qui:: Contemporanea / Nuove commissioni 2013
Nuove commissioni 2013

Nuove commissioni 2013

 

Mercoledì 30 ottobre 2013, ore 20.30
Chiesa di Santa Cristina
, Bologna

IL CASO D’ANNUNZIO
Prove di una fascinazione

Concerto drammatizzato in sei sequenze


Musiche di Corrado Rojac, Riccardo Panfili, Mirco Ceci,
Gianluca Verlingieri, Federico Gardella, Daniela Terranova


PRIMA ESECUZIONE ASSOLUTA
Commissione della Regia Accademia Filarmonica di Bologna

nel 150° anniversario della nascita di Gabriele D’Annunzio


FontanaMIXensemble
Lavinia Guillari flauti
Marco Ignoti clarinetti
Valentino Corvino violino
Marco Radaelli violoncello
Stefano Malferrari pianoforte

Valentina Coladonato soprano
Mirco Ceci pianoforte
Andrea Fugaro voce recitante (D’Annunzio)
Eugenio Papalia voce recitante (L’Altro)

Francesco La Licata direttore

Montaggio drammaturgico e regia a cura di Claudio Longhi
Coordinamento musicale e organizzativo Azio Corghi e Loris Azzaroni
Assistente alla regia Giacomo Pedini

INGRESSO LIBERO
fino ad esaurimento posti
Chiesa di Santa Cristina, Piazzetta Morandi, Bologna
Per informazioni: tel. 051-222997
email

Progetto realizzato nell’ambito del progetto triennale “Musica contemporanea. Prime esecuzioni assolute e Commissioni d’opera della Regia Accademia Filarmonica di Bologna”, sostenuto dall’Assessorato alla Cultura della Regione Emilia-Romagna.
L’iniziativa è resa possibile anche grazie al sostegno del Comune di Bologna e della Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna.


PRESENTAZIONE

di Azio Corghi

Nel gennaio 2013 il Presidente dell’Accademia Filarmonica di Bologna, Prof. Loris Azzaroni, ha invitato il sottoscritto, unitamente al regista Claudio Longhi, a realizzare uno spettacolo incentrato sulla figura e sull’opera di Gabriele d’Annunzio in occasione del 150° anniversario della nascita.
La comune idea di partenza, suggerita in prima istanza da Loris Azzaroni, è stata quella di inserire organicamente una serie di “interventi musicali”, commissionati a giovani compositori, all’interno di un testo drammaturgico curato dal regista.
Fra gli allievi del corso, da me tenuto fin dall’anno accademico 2007, sono stati scelti insieme al Presidente dell’Accademia quelli in possesso di un curriculum artistico con maggior attinenza alle esigenze del copione. Suddiviso in sei “sequenze”, il testo corrisponde alle parti argomentate affidate a ogni singolo compositore.
A disposizione dei giovani compositori è stato posto un Ensemble vocale/strumentale costituito da due Attori (D’Annunzio e L’Altro), Soprano, Flauto, Clarinetto, Violino, Violoncello e Pianoforte.
Il mio è stato soprattutto un lavoro di coordinamento dei vari interventi sia in base alla struttura del testo, sia nell’orientare, secondo criteri di varietà timbrico-dinamica, le successioni e/o alternanze fra voci e strumenti.
L’autore della “Terza Sequenza” è pure interprete della parte musicale.