Siete qui:: Loris Azzaroni
Loris Azzaroni

Loris Azzaroni

 

Il Presidente della Regia Accademia Filarmonica di Bologna

Loris Azzaroni ha conseguito i diplomi in Pianoforte (1966), Organo e composizione organistica (1970), Composizione (1973) e Direzione d’orchestra (1974) presso il Conservatorio di Bologna, nonché la laurea in Fisica presso l’Università di Bologna (1971).
Attività professionali. Ha insegnato Teoria musicale presso il Conservatorio di Mantova (1970-72) e Armonia presso il Conservatorio di Bologna (1972-74). Dal 1974 ha insegnato nel Corso di laurea in Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo (D.A.M.S.) della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Bologna, dapprima come Assistente ordinario, poi come Professore associato e infine come Professore ordinario di Teoria e Analisi musicale.
Ha iniziato la sua carriera musicale come organista e direttore d’orchestra. Ha lavorato come pianista, pianista accompagnatore e maestro sostituto presso il Teatro Comunale di Bologna (1970-76), di cui è stato in seguito Direttore artistico (1980-83). E’ stato anche critico musicale di diversi quotidiani e periodici, ha scritto programmi di sala per concerti ed opere, ha tenuto conferenze per l’Assessorato alla Cultura di Bologna (1990, 1991), ha svolto seminari sull’analisi musicale presso la Fondazione Cini (Venezia) e la Scuola di musica del Testaccio (Roma). Dal 1994 è stato consulente editoriale della rivista Lyrica.
Ricerche. Le sue ricerche scientifiche, centrate nei campi della teoria e dell’analisi musicale, sono state dedicate inizialmente a Schönberg e Webern e successivamente alla musica contemporanea (da Struttura latente e struttura
manifesta. Contributi per un'analisi di 'Epifanie', in L. Azzaroni et al., Il gesto della forma. Musica, poesia, teatro nell'opera di Luciano Berio, Milano, Arcadia, 1981, fino alla curatela del numero unico About Music Past and Present VII, Italy di Sonus (U.S.A.) 29/1 (2008)).
Ha compiuto un’ampia ricerca sui problemi della modalità nella musica per tastiera fra Cinque e Seicento (da Ai confini della modalità. Le Toccate per cembalo e organo di Girolamo Frescobaldi, Bologna, Clueb, 1986; rist. riv. e corr. 2000), fino a Mobilità modale e mobilità accordale. Nuovi appunti sulle Toccate frescobaldiane del Primo e Secondo Libro, in Ph.V. Bohlman e M. Sorce Keller con L. Azzaroni (a cura di), Antropologia della musica nelle culture mediterranee. Interpretazione, performance, identità. Alla memoria di Tullia Magrini, Bologna, Clueb, 2009).
Ha lavorato sulla teoria funzionale dell’armonia da Hugo Riemann in poi (da D. de la Motte, Manuale di armonia, ed. it. a cura di L. Azzaroni, Firenze, La Nuova Italia, 1988; rist. riv. e corr. Roma, Astrolabio, 2007, a Elusività dei processi cadenzali in Brahms: il ruolo della sottodominante, in Rivista Italiana di Musicologia 24/1(1989) e a Trasformazioni di Riemann e operatori quadridirezionali, in A.R. Addessi, I. Macchiarella, M. Privitera, M.Russo (a cura di), Con-Scientia Musica. Contrappunti per Rossana Dalmonte e Mario Baroni, Lucca, LIM, 2010, fino alla curatela di La teoria funzionale dell'armonia, Bologna, Clueb, 1991.
Ha effettuato studi nel campo del contrappunto (da D. de la Motte, Il contrappunto, ed. it. a cura di L. Azzaroni, Milano, Ricordi, 1991), a Dinamiche trasformative nella scrittura polifonica di Johann Sebastian Bach, in Analisi. Rivista di teoria e pedagogia musicale 10 (1993), fino a La tradizione scolastica del contrappunto severo, in Enciclopedia della musica, vol.IV (Storia della musica europea), Torino, Einaudi, 2004). In questi ultimi anni ha compiuto uno studio ad ampio raggio su problemi fondamentali della teoria della musica (Canone infinito. Lineamenti di teoria della musica, Bologna, Clueb, 1997; 2a ed. 2001), ed ha approfondito aspetti di teoria e metodologia dell'analisi musicale (da Andare in analisi, in Analitica. Rivista online di studi musicali 1/0 (1999), a Un'identica ipotesi contestuale per due  significati espressivi opposti nel Momento musicale n. 6 di Franz Schubert, in Quaderni di Analitica, vol. 1 (2001), fino a What does the analyst analyse?, in Sonus (U.S.A.) 22/2 (2002)).
Incarichi in associazioni scientifiche. E’ stato membro del Consiglio direttivo dell’Associazione fra Docenti Universitari Italiani di Musica - ADUIM e del Consiglio direttivo della Società Italiana di Analisi Musicale - SIDAM(1990-96), condirettore di Analisi. Rivista di teoria e pedagogia musicale, referente redazionale di Musica theorica. Spectrum. Rivista di analisi e pedagogia musicale, del Comitato direttivo della rivista Il Saggiatore musicale(dal 1998), di cui è ora Consulente scientifico.
Onoreficenze. Nell’ottobre 2009 è stato insignito del Sigillum Magnum dell’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna.

 

Loris Libero Azzaroni è stato nominato Presidente della Regia Accademia Filarmonica a seguito delle elezioni avvenute il 30 gennaio 2015 (documento)

Come da statuto, il ruolo di Presidente dell'Accademia è svolto a titolo gratuito.

Informazioni pubblicate ai sensi dall ́art. 9 comma 2 e 3 del decreto Legge 8 agosto 2013, n. 91, convertito con legge 7 ottobre 2013 n.112

 

>>torna all'elenco